6 febbraio 2018

Comunicare in medicina: appuntamento a Milano e Roma

Un giorno un medico ginecologo, il dott. Giovanni Battista Serra, ex Direttore di Ginecologia dell’Ospedale Cristo Re a Roma, e, già 17 anni fa, autore del libro “Fisiopatologia del rapporto medico-paziente in ginecologia” (Mediamed Edizioni), relatore insieme a me a un corso ECM, che aveva partecipato a una giornata di formazione e coaching rivolta a un gruppo di ginecologi, tornando in treno mi ha messo una pulce nell’orecchio, chiedendomi se davvero io mi sentivo soddisfatta del lavoro svolto. Lì per lì non ho ben capito la domanda, perché io mi sentivo effettivamente soddisfatta, i partecipanti avevano espresso feedback positivi e durante la giornata, comprensiva di role-play con pazienti simulati, si erano dimostrati molto interessati e coinvolti. Allora la domanda successiva è stata un po’ diversa: “Mi stai dicendo che sei soddisfatta di quello che hai potuto dare oggi in queste poche ore rispetto a tutto quello che vorresti e potresti veramente dare ai medici per aiutarli  a migliorare la loro comunicazione e di conseguenza la qualità della loro relazione con i pazienti e del loro lavoro? Per quale motivo non crei dei percorsi dove i medici interessati a migliorare le loro competenze in questo ambito possano lavorare in maniera più approfondita ed efficace?”. Cosa potevo rispondere? Soltanto “touchè!”.

Effettivamente fino a quel momento avevo pubblicato un libro, “La relazione medico-paziente. Manuale di ComunicAzione per i professionisti della salute” (Edizioni Enea, 2016), avevo lavorato con migliaia di medici, infermieri e altri professionisti della salute nell’ambito dei corsi ECM organizzati e gestiti da vari enti, aziende, società scientifiche, provider, università… cosa che ho continuato e continuo a fare, ma non avevo mai creato un percorso per offrire direttamente questa opportunità  a medici, infermieri, professionisti della salute e persone che comunque entrano in contatto con i pazienti durante il loro percorso clinico-terapeutico. Questo rappresentava, e rappresenta tuttora, la realizzazione di quella che considero in qualche modo essere la mia vision e la mia mission. Tanti anni fa ho incontrato un medico, il mio medico, il prof. Antonio Gasbarrini, che ha fatto davvero la differenza durante la mia malattia. Era l’estate del 2003, avevo un’epatite fulminante da farmaco, ero in coma epatico e ho dovuto fare un trapianto di fegato d’urgenza. Il mio ricovero è durato circa quattro mesi tra vari reparti, l’operazione e la rianimazione. Oggi, con il mio lavoro, voglio contribuire a dare tutti gli strumenti possibili perché altri medici possano fare altrettanto, per se stessi e per gli altri.

comunicare-medicina-ecm-barilla

Posso sinceramente dire che il dott. Serra, quel giorno, in un viaggio in treno di ritorno da Parma dove si era svolto l’evento,  mi ha fatto un po’ da Coach. Le sue domande “incalzanti” hanno fatto un po’ da spinta e oggi ci siamo: i primi due appuntamenti di “Comunicare in Medicina”, di due giornate ciascuno, per esplorare, allenare, comprendere meglio come comunicare più efficacemente in medicina, consapevoli che la qualità della relazione tra medico/professionista della salute e paziente/familiari del paziente può fare e fa la differenza.

Quando sono i due appuntamenti?
Il 16 e 17 marzo a Milano e il 13 e 14 aprile a Roma.

ISCRIVITI SE VUOI:
> aumentare la tua efficacia quando comunichi e interagisci con gli altri
> gestire meglio il tuo stato psico-fisico-emotivo
> saper scegliere e mantenere lo stato più funzionale
> entrare in sintonia con le persone più velocemente
> motivare meglio te stesso e gli altri
> iniziare a conoscere i modelli internazionali per l’intervista medica
> imparare con una metodologia pratica e interattiva

SCOPRI DI PIU’ SUL CORSO DI MILANO DEL 16 E 17 MARZO

SCOPRI DI PIU’ SUL CORSO DI ROMA DEL 13 E 14 APRILE

Ti aspetto, sarà un onore per me essere la tua Coach!

Grazie
Emanuela

Condividi

Altri articoli